sabato , 28 Gennaio 2023

MONICA

Dopo aver ritrovato la madre e il resto della famiglia, una donna intraprende un percorso nel suo dolore e nelle sue paure, nei suoi bisogni e nei suoi desideri fino a scoprire dentro di sé la forza per guarire le ferite del passato.

La californiana Monica torna dopo molti anni nella casa in cui la madre viene accudita da una badante, dal fratello e dalla cognata. Il rientro non è facile perché un tempo la madre l’aveva allontanata da sé per un motivo che non viene rivelato esplicitamente. Andrea Pallaoro si rivela un maestro nell’avvicinamento progressivo ad un personaggio raccontandolo grazie a dettagli che si assommano formando tessera dopo tessera un puzzle dell’animo. In questo film, girato in 4/3 per concentrare l’osservazione sui volti, sui corpi e sui gesti più che sulle parole e privo, come è giusto che sia, di una colonna musicale che non abbia una funzione diegetica, Pallaoro non imita ma si accosta alla poetica e all’estetica di Xavier Dolan, con l’esclusione della tensione pronta per esplodere dei film del regista canadese.