sabato , 28 Gennaio 2023

THE WOMAN KING

La storia di Nasisca, generale dell’unità militare tutta al femminile del regno del Dahomey, uno degli stati africani più potenti tra il XVIII e il XIX secolo.
Nel 1823, il regno africano del Dahomey è minacciato dal vicino e assai più vasto e potente regno di Oyo. Il Dahomey è però uno stato fieramente militarista e ha anche un corpo speciale femminile: le Agojie. Le guida la generale Nanisca, che cerca di ispirare il re Ghezo ad abbandonare la tratta degli schiavi, in favore della produzione e del commercio di olio di palma. La giovane Nawi, una ragazza ribelle che rifiuta di sposarsi come vorrebbe la famiglia, viene nel mentre affidata alle cure dell’addestramento Agojie. La sua astuzia e la sua tenacia la fanno presto notare da Nanisca. Per la prima volta Hollywood porta sullo schermo le “amazzoni” della “Sparta africana”, ma naturalmente lo fa a modo suo, nel bene e nel male. Da una parte c’è l’enfasi un po’ tronfia ma appassionata, dall’altra le libertà prese con la Storia e una pesante dose di melodramma. La cosa più notevole di The Woman King è la qualità delle coreografie di queste “amazzoni”, davvero diverse da semplice guerriere con una spada, molto acrobatiche ed esperte nelle prese del corpo a corpo, abili in varie armi: dalla lame ricurve alla lancia fino a un pugnale legato a una corda.