Da non perdere
Home / Eventi in Città / DAL VOMERO A CHIAIA E NAPOLI EST ECCO I 1.500 NEGOZI APERTI IN CITTA’

DAL VOMERO A CHIAIA E NAPOLI EST ECCO I 1.500 NEGOZI APERTI IN CITTA’

Sono circa 1500 i negozi aperti in città (fino alle 18), vere e proprie oasi per i napoletani in quarantena. Centotrenta attività al Vomero (di cui 69 edicole, compresa l’Arenella), 35 a Chiaia (incluse le edicole, tra cui la storica di piazza dei Martiri), 700 salumerie pronte a servire i clienti tra centro storico e Fuorigrotta-Bagnoli, 650 le tabaccherie accessibili in tutta l’area cittadina. Cartelli surreali apparsi sulle saracinesche “Chiuso per chiusura. Riapriremo all’apertura” e invocazioni a restare a casa sulla porta d’ingresso di una pasticceria in corso Garibaldi: “Se stai guardando questo cartello è perché non hai capito che devi stare a casa! Prima lo facciamo tutti, prima riapriamo tutti”

I commercianti fanno i conti con il silenzio di una Napoli inedita, le file distanziate sulla soglia delle attività e l’incognita del futuro. Vomero, Pignasecca e Fuorigrotta i quartieri più ricchi di servizi. Nella zona collinare, chiusi Coin e Oviesse ma resta una garanzia il mercatino alimentare di Antignano (solo i negozi, non le bancarelle), la macelleria di via Cimarosa, la panetteria Ambrosino di via Kerbaker e via Scarlatti, la salumeria Amodio (aperta in varie zone della città), la panetteria Finelli, la macelleria in via Mario Fiore. Numerosi i negozi di prima necessità aperti tra piazza Muzii, via Simone Martini, via Caldieri e via Santa Maria della Libera. Tra il Vomero e l’Arenella sono aperte tutte le tabaccherie senza bar. Numerose anche le edicole, ben 69 aperte fino alle 14 tra il Vomero e l’Arenella.

Dopo il Vomero, va alla Pignasecca il record di offerta alimentare. Quaranta tra salumerie, panifici e negozi di frutta e verdura restano aperti all’interno del mercatino. Tra questi, lo storico panificio Coppola, la salumeria Russo in piazza Pignasecca, lo storico Flor do Cafè. Due i supermercati Superò accessibili su via Monteoliveto e in via Tarsia in via Soriano. “Stavamo aspettando il decreto da giorni – spiega Rosario Ferrara, presidente centro Toledo-Spaccanapoli – certo, ora vedere la città così vuota fa impressione ma andiamo nella giusta direzione per contrastare il contagio. Ci aspettiamo che ci sia un aiuto importante dal governo. Ci sono una marea di microimprese che vivono con incassi giornalieri, hanno tutti bisogno di aiuto”.

Offerta diversificata anche a Fuorigrotta, con numerosi negozi: 6 edicole, 4 farmacie (tra cui Cotroneo e Ferrara) 8 supermercati (da Carrefour in viale Giochi del Mediterraneo a Sole 365 in via Lepanto e via Diocleziano) 20 salumerie, 15 macellerie, 10 negozi tra telefonia (Tim in via Giulio Cesare) e articoli per la casa ( tra cui Russo, in via De Gennaro), 4 le tabaccherie, 6 gli ottici disponibili.

A Chiaia, sono invece meno di 40 le attività aperte. Tra gli altri, panificio Moccia, l’antica latteria Papaccioli in via San Pasquale, 3 supermercati (Conad, Carrefour e Flor Do Cafè) , 4 tabaccai, 6 farmacie, 2 negozi di detersivi (tra cui Amato in Largo Ferrandina), la lavanderia in via Vannella Gaetani, per i telefonini e materiale elettrico c’è Expert in via Vittorio Imbriani. Stessa situazione a Mergellina, dove sono una trentina le saracinesche alzate, anche gli alimentari nel mercatino della Torretta. “Ci auguriamo di riuscire ad avere contributi per gli affitti troppo alti, vista la situazione – chiede Carla Della Corte, presidente di Chiaia Commercio – c’è bisogno che ognuno tenda una mano, noi abbiamo teso la nostra. Il governo sta facendo cose importanti, diamogli il tempo. Era importate chiudere, stare a casa e bloccare il virus. Ora stringiamo i denti e aspettiamo i risultati”.

Sono invece circa 250 i negozi aperti tra Gianturco, via Sanfelice, piazza Garibaldi, corso Garibaldi, corso Umberto, via Marina (lato Loreto Mare). A corso Umberto, porte aperte alla Conad in via Padre Luigi Tosti e a 4 negozi per telefonini tra cui Vodafone, Tim e Fastweb. Nella zona tra corso Arnaldo Lucci e corso Garibaldi lato via Marina, 6 i supermercati aperti (Conad-Margherita e Sigma in via San Cosmo a Porta Nolana). “Sono d’accordo sulla chiusura dei negozi – commenta Ulderico Carraturo, presidente Fipe Bar e pasticcerie e titolare dell’omonima pasticceria – ma dovrebbero chiudere tutti perché soltanto così si può tornare a riaprire il più presto possibile. Il settore della pasticceria è penalizzato. Ci eravamo preparati per San Giuseppe, avevamo ordinativi di zeppole, per noi è un periodo importante paragonabile al Natale. Mi stavo organizzando per l’asporto, invece l’ordinanza del presidente De Luca che vieta l’asporto mi ha bloccato e ho dovuto rinunciare. Un danno economico non indifferente”.

(Fonte Reppubblica.it)

Print Friendly, PDF & Email

admin

Avatar

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

Città della Scienza a Napoli riapre al pubblico

Dopo la chiusura per l’emergenza sanitaria, finalmente Città della Scienza a Napoli, ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: