mercoledì , 28 Febbraio 2024

Zi Andre Horus Cristo che parla+Tombola Napulitana+OPLONTI Villa Poppea: 3-4 FEBBR

SABATO 3 FEBBRAIO ore 10,45

L’occhio di Horus, Cristo che parla e

‘a Madonna ‘e Zi’ Andre’

Un percorso avvincente, tra storia ed arte, ricco di leggende, luoghi nascosti, cappelle segrete, un presepe antico, un Cristo che parla, l’occhio di Horus nella chiesa di San Tommaso d’Aquino e Giordano Bruno. Un viaggio nella tradizione partenopea che pone le basi ai capisaldi della narrazione napoletana tra i percorsi antropologici di una Napoli che era e che fu! Nei luoghi in cui i domenicani praticavano l’essicazione dei corpi, dal retro egizio, la Massoneria descritta sulle statue con simboli alchemici, Madonne e nobiltà, ‘a Madonna Bambola ‘e Zì Andre’.

Il Tour comprende:

Chiesa San Domenico Maggiore (storia ed origini);

Cappella Brancaccio ed affreschi di scuola giottesca;

Cappellone del Crocifisso; (esterno)

Cappella Montorio del Rosario;

Cappella Madonna della Neve e Blanch;

l’Occhio di Horus e i corpi all’egiziana;

la Cappella Rota e i simboli alchemici e Massonici;

Cappella di Zi’ Andrea e la Madonna leggendaria;

San Tommaso e Giordano Bruno.

Prenotazione obbligatoria e a numero chiuso

L’appuntamento è in Piazza san Domenico Maggiore (davanti alla scala della chiesa omonima),

alle ore 10,45,

il contributo per la visita guidata è di 12,00 euro a persona e comprende visita guidata + radiolina whisper e contributo alla chiesa

—————————————————————————————————

SABATO 3 FEBBRAIO ore 18,00

TOMBOLA NAPULITANA

tombola recitata, aneddoti, gioco e curiosità

vino, primo e premi ULTIMO APPUNTAMENTO

Una SERATA all’insegna del gioco e del divertimento con la TOMBOLA NAPULITANA legata alla tradizione napoletana con i numeri spiegati e interpretati, recitati tra leggende e verità popolari, tra dicerie e definizioni Borboniche, tra comicità e cunti antichi. Il fraintendimento e la risata saranno il collante della ‘cartella delle dicerie’, dove i numeri racconteranno, con voce sprezzante, la Napoli di una volta, tra fagioli e ‘vreccie’, tra giochi e sberleffi per l’Ambo, Terno, Quaterna, Cinquina, la Decima e la Tombola e i premi napoletani e artistici. Canto, musica, risate e racconti comici e racconti napoletani per passare a tavola momenti dal sapore retrò e dal contesto goliardico… per terminare con un bicchiere di vino e un primo da consumare insieme ‘alla salute’.

I posti disponibili sono 18 e la partecipazione prevede una prenotazione obbligatoria.

L’appuntamento è in Via Cesare Rosaroll, 77/E (Citofono 1015) Scala A (sinistra) V°  Piano con Ascensore;
alle ore 18,00.
Il contributo associativo è di 20 euro ed è comprensivo di cena (vino e primo piatto)spettacolo e gioco della tombola con premi (ambo, terno, quaterna, cinquina. decima e tombola).

Per prenotare:

è necessario comunicare il numero di partecipanti, attendere la nostra conferma e pagare on line le quote di partecipazione, NON RIMBORSABILI IN CASO DI ASSENZA, E NON UTILIZZABILI PER ALTRE ATTIVITA’.

I dati per il bonifico sono:

ASSUNTA MANGO

IBAN: IT72C3608105138237620437625

CAUSALE: serata napoletana 

Effettuato il bonifico inviare copia del pagamento.


DOMENICA 4 FEBBRAIO ore 10,45

Villa delle Delizie POPPEA OPLONTI

Al centro della bellissima Torre Annunziata vi è Oplontis, il suo nome compare già nella Tabula Peutingeriana, copia medioevale di un’antica mappa relativa alle strade esistenti in Italia all’epoca dell’Impero Romano. Unica nel suo genere, ricca di affreschi e dettagli, mosaici e elementi originali, ma soprattutto intrisa nelle immagini di leggende con uccelli, divinità e maschere protettive. Inserita tra i beni l’UNESCO “Patrimonio dell’Umanità”: grandiosa costruzione residenziale della metà del I secolo a.C., ampliata in età imperiale, era in corso di restauro al momento dell’eruzione. È attribuita a Poppaea Sabina, seconda moglie dell’imperatore Nerone.

Il tour comprende: 
• Origini di Oplonti-Torre Annunziata;
• Storia degli Scavi; 
• Villa di Poppea;

• I saloni e i suoi affreschi;

• La Piscina e la leggenda del latte;

• Il Triclinio: alla corte degli uccelli;

• Il Labirinto delle colonne: Peristilio;

• Ospitalia e Viridarium;

• Il Larario, la Latrina e il Caledarium;

• Poppea la “donna delle delizie”;

• Leggende e storie tra segreti e proverbi.

La visita è a numero chiuso e prevede una prenotazione obbligatoria.
L’appuntamento è all’ingresso degli scavi (ESTERNO);

in Via Sepolcri- Torre Annunziata;
alle ore 10.45
Il contributo associativo è di 11 euro  a persona ed è comprensivo di vista guidata e radioline wispher. Il biglietto gratuito dovete ritirarlo voi alle casse.

(GIORNATA GRATUITA NON SI PAGA INGRESSO)

Per chi arriverà con la Circumvesuviana: Linea per Sorrento, fermata Torre Annunziata- Oplonti. Dalla stazione la struttura dista circa 10 minuti a piedi.

Per info e prenotazioni

Dott.ssa Mango
oltreiresti@oltreiresti.it

www.oltreiresti.it  www.oltreirestinews.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao, Scrivici